[ECM] Hot Topics in Cardiologia 2022

Il congresso si svolge nei giorni 28 e 29 Novembre 2022 presso il Centro Congressi dell’Università Federico II di Napoli Via Partenope, 36.

hot topics 2022

La comunità scientifica è stata investita e messa e dura prova negli ultimi 2 anni dalla tragica pandemia da COVID. Molti aspetti, sociali e lavorativi del nostro vivere non ne sono stati esenti, così come l’ambito formativo e l’aggiornamento scientifico: l’evento si propone come occasione di incontro, anche con amici e colleghi, di scambio di esperienze, di opinioni ed idee di proseguire nel filone di aggiornamento
che combina l’approfondimento e l’incontro tra le tematiche cardiologiche di più vasto impatto epidemiologico, economico e sociale con il risvolto pratico sulla professione medica, proponendo elementi di dibattito e condivisione tra specialisti. Per far ciò, occorre che tutti gli attori in gioco
si ritrovino a parlare un linguaggio comune onde favorire uno scambio di informazioni utili alla corretta gestione del paziente. Un primo obiettivo di questo convegno sarà quello di fornire un aggiornamento pratico e condiviso tra il cardiologo, l’internista ed il medico di Medicina Generale, abbandonando vecchi schemi. La pubblicazione di Linee Guida viaggia a un ritmo impressionante, obbligando gli
specialisti ad aggiornarsi ed a interagire non soltanto in modo approfondito, ma anche ponendo una maggiore attenzione al controllo della spesa sanitaria nelle scelte terapeutiche, al fine di ridurre l’impatto economico e clinico-gestionale delle patologie cardiologiche più comuni, dalla cardiopatia ischemica cronica alla fibrillazione atriale, dalla sindrome coronarica acuta con gestione farmacologica, interventistica e chirurgica alle cardiopatie valvolari e congenite ed il trattamento interventistico, dallo scompenso cardiaco all’ottimizzazione della riduzione del rischio residuo con terapie complesse e di associazione come nel trattamento dell’ipercolesterolemia.

Un capitolo nuovo deve esser dedicato alla cardio-oncologia, che ha lo scopo di svolgere un servizio di sorveglianza nel tempo dei pazienti esposti a farmaci cardiotossici, allo scopo di prevenire complicanze come la disfunzione ventricolare, lo scompenso cardiaco, le aritmie, le problematiche tromboemboliche o l’ipertensione arteriosa, mediante ampia interattività e scambio con altri specialisti, nell’interesse di
favorire e rendere scorrevole il percorso di cure di un paziente altamente fragile, sviluppando un protocollo ad hoc. Spesso la contemporanea presenza di una patologia cardiovascolare e un tumore fa arbitrariamente escludere questi soggetti sia dai trattamenti o interventi cardiologici intensivi sia dalle terapie oncologiche più aggressive, potenzialmente più efficaci, perché ritenuti pazienti a rischio
troppo elevato. Inoltre, una parte del convegno sarà anche riservata alle malattie cardiache rare: l’approccio d’elezione è multidisciplinare, coinvolgendo il cardiologo e il genetista, In molte delle malattie cardiache rare, la gravità è data dall’entità del coinvolgimento cardiaco: più la patologia cardiaca è
grave, peggiore sarà la prognosi. Per questo motivo, spesso i trattamenti mirano a migliorare le condizioni di salute del cuore attraverso i farmaci, oppure ricorrendo alla chirurgia.
Vogliamo quindi soffermarci sulle patologie “rare” ma “più comuni” che chiamano in causa l’apparato cardiovascolare.



Il Programma (Napoli, 28 e 29 Novembre 2022)